Avvocato Matrimonialista Internazionale

Il divorzio in Italia

L’attuale legge in vigore in Italia costringe i coniugi ad un duplice passaggio prima di considerare definitivamente cessato il vincolo matrimoniale: separazione prima e divorzio poi.

Si è quindi costretti a pagare due volte il servizio legale senza considerare le attese interminabili e il dramma del tempo che condiziona pesantemente la qualità della vita dei coniugi.

E’ prevista anche la possibilità di separazione e divorzio in Comune con precedente negoziazione assistita da un avvocato internazionale. Anche qui a fare da controaltare ai “soli 16€ necessari per divorziare in comune” (ipotesi dove, nel caso di assenza di figli minori o maggiorenni non autosufficienti, dovrebbe essere l’ufficiale dello stato civile a fare da improbabile giudice), ci saranno tempi indeterminabili e costi discrezionali per gestire l’iter con i propri avvocati.

I tempi del divorzio all’italiana

L’impatto pratico dell’attuale nuova normativa comporterà necessariamente la presentazione immediata di domande di divorzio da parte di centinaia di migliaia di coppie che porteranno al collasso i Tribunali ordinari, già saturi di competenze tra separazioni, divorzi e crisi di coppie di fatto. Vista la legge, e la nostra esperienza, possiamo stimare l’intera procedura di tipo consensuale e senza interruzioni di sorta, con una tempistica media superiore ai 16 mesi.

Anche le coppie italiane, a determinate condizioni, hanno la facoltà di avvalersi dell’autorità giudiziaria di altri Paesi in maniera da ottenere rapidamente la sentenza. E’ necessario in questo caso ingaggiare un avvocato matrimonialista internazionale per completare l’iter necessario ad ottenere il decreto di scioglimento del vincolo matrimoniale.

Quando si tornerà in Italia nessun tribunale, giudice o avvocato dovrà pronunciarsi ma è sufficiente un semplice passaggio meramente burocratico davanti all’Ufficiale di Stato Civile nel comune di residenza.
Grazie al Regolamento n. 44/2001 del Consiglio dell’Unione Europea del 22 dicembre 2000 di concerto con il Regolamento del Consiglio dell’Unione Europea del 27 novembre 2003 relativo alla competenza, al riconoscimento e all’esecuzione delle decisioni in materia matrimoniale, è possibile ottenere il divorzio breve in tempi rapidissimi rispetto allo standard italiano.

I Vantaggi del divorzio breve:
  • Poter ricominciare una nuova vita chiudendo velocemente e definitivamente un rapporto logoro;
  • Sciogliere complessi nodi di carattere economico;
  • La possibilità di avere una tutela patrimoniale in caso di decesso di uno dei coniugi.

Infatti, è bene ricordare che dal punto di vista successorio il soggetto separato in caso di decesso arriva addirittura ad ereditare il patrimonio del coniuge passato a miglior vita. Grazie al divorzio rapido si chiudono definitivamente i rapporti economici con l’ex coniuge che non erediterà i beni di famiglia, in quanto solo il divorzio scioglie il vincolo patrimoniale.

I numeri del divorzio all’estero

Stime di settore calcolano che, negli ultimi cinque anni almeno 16.000 coniugi italiani hanno scelto la via del divorzio breve fuori dall’Italia.

L’assistenza professionale alle persone che intendono divorziare rapidamente rappresenta un’aspettativa legittima del diritto internazionale moderno.